Page 40

AUTORI di Ugo La Pietra

Per leggere con attenzione

il lavoro progettuale di Giusto Bonanno, in relazione ai suoi oggetti nati da un processo di riciclo, dovremmo far riferimento a diversi esempi storici. Tutti sanno che la capacità di rileggere un oggetto d’uso reinventandolo con nuove forme e significati è un’operazione estetica che risale ormai alle lontane opere dadaiste di Duchamp. Ma forse il riferimento storico più adeguato per iniziare a collocare il lavoro di Bonanno è quello delle esperienze che Charles Jencks e Nathan Silver presentarono nel loro libro “Adhocism” del 1972. “Adhocismo è: usare lo spazzolino per pulire la macchina da scrivere, usare un coltello come cacciavite, un cacciavite come cesello, un cesello come pugnale. Adhocismo è: l’abusare di tutto, o l’approfittare del fatto che ogni oggetto ha più modi di essere utilizzato. L’adhocismo viene considerato eccentrico, provvisorio, usa le cose attraverso i clichèes e i sottosistemi del passato mentre gli altri usano i clichèes nel modo predeterminato e così sono noiosi”. La lezione di Jencks e Silver vuole farci notare come tutti preferiscono la stabilità, la perfezione, l’armonia e la consistenza: in questo modo, secondo i due autori, tutti “distruggono il passato, mangiano i propri antenati e negano i mutamenti”. La teoria adhocista ci invita a rifiutare il bulldozer e la fornace per i rifiuti, “strumenti barbarici”,

50

Giusto Bonanno

Le opere di un designer siciliano: oggetti che ripropongono nuove funzioni attraverso un processo creativo che mantiene i valori industriali a fianco di manifestazioni artigianali.

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 58  

Italian Magazine about crafts

Artigianato 58  

Italian Magazine about crafts

Advertisement