Page 8

QLPRUWDOLULHVFRQRDGLQWHUDJLUHFRQVXIÀFLHQWHGLVLQYROWXUD con questi super-concentrati di tecnologia, collegandosi a satelliti, nuvole, amici e parenti, probabilmente inconsapevoli GLFLzFKHJHQHUDO¡LQJHQXRFRQWDWWRWUDODVXSHUÀFLHGHOORUR indice e lo schermo del loro device.  6ÀGR FKLXQTXH D GLUH FKH PHQR GL GLHFL DQQL ID IRVVH SRVVLELOHSUHYHGHUHO¡LQà XHQ]DGLTXHVWRWLSRGLDSSOLFD]LRQH della tecnologia nella nostra quotidianità . Simon fu il primo‌ il primo telefono intelligente, lo commercializzò BellSouth nel 1993, il progetto, made in IBM, aveva appena un anno. Oltre alle comuni funzioni di telefono incorporava calendario, rubrica, orologio, block notes, funzioni di e-mail e giochi. Ma abbiamo aspettato i BlackBerry per poter aprire allegati e per navigare in Internet con un browser mobile. Forse nemmeno lui, quel testardo di Steve Jobs, durante la conferenza di apertura del Macworld, nel gennaio 2007, mostrando al pubblico il suo primo iPhone, si rendeva conto dello Tsunami che avrebbe innescato quella bellissima piastrella di vetro e metallo. Proprio lui, dopo essere rientrato nella azienda che aveva creato e che lo aveva rigettato, dandogli la possibilità di sviluppare Pixar e Next, si era messo in testa di dedicare il VXRWHPSRDGXQDVÀGDFKHDOWULPROWRSLJUDQGLHULFFKL di lui, stavano affrontando pensando piÚ alla tecnologia che alla sua fruibilità.  3URSULR OXL TXHOOD VÀGD O¡KD YLQWD LQVLHPH DO WHPSR purtroppo poco, per godersi i risultati della vittoria, ovvero l’attestato di miglior marchio del mondo secondo Interbrand di Omnicom Group: 98,3 miliardi di dollari e anche quello dell’azienda piÚ capitalizzata: 434,5 miliardi di dollari. 6

Navi Volanti  

Tre progetti per il futuro prossimo venturo della comunicazione DOOH

Navi Volanti  

Tre progetti per il futuro prossimo venturo della comunicazione DOOH

Advertisement