Page 37

PROGETTARE PER IL FUTURO DELLA COMUNICAZIONE

Dal punto di vista stilistico ho cercato di dare coerenza D WXWWR FLz FKH KR UDFFRQWDWR ULJXDUGR OD FRQFODPDWD FRQÀGHQ]DFKHDEELDPRFRQLQRVWULVPDUWSKRQHHODGLIÀFROWjGL integrare nuovi apparati con strutture preesistenti. Soprattutto ho prestato attenzione alla durabilità e alla sicurezza degli utenti e delle strutture. Il risultato è un “Super-Smartphone”, un oggetto nuovo e inaspettato per essenzialità e compostezza, ma riconoscibile e familiare, apparentemente molto simile a qualcosa che ci gira nella borsa o che teniamo nelle tasche. Ho marcato l’effetto della somiglianza perché sono persuaso che, chiunque si trovi in un ambiente nuovo, cerchi riparo e protezione nelle cose che conosce. Per questo cerco di conferire agli oggetti che metto per strada o nei luoghi di pubblica fruizione un aspetto familiare, qualcosa di noto, di FRQÀGHQWH È probabile che il viaggiatore distratto non si accorga nemmeno della differenza di dimensioni tra il proprio telefonino e il grande dispositivo dell’aeroporto. A favore di questo effetto c’è la distanza visiva. Effettivamente, alzando davanti agli occhi il proprio tablet, è probabile che l’ingombro visivo sia simile a quello del device appoggiato al muro.

35

Navi Volanti  

Tre progetti per il futuro prossimo venturo della comunicazione DOOH

Navi Volanti  

Tre progetti per il futuro prossimo venturo della comunicazione DOOH

Advertisement