Page 29

Dal CASENTINO, nella pagina a fronte, dall’alto e da sinistra: panno casentino (quadri tessuto verde e arancio), TACS Tessitura Artigiana Casentibese, Stia; centrotavola in argento con foglie, Oro e Argento 94 Lavorazione metalli preziosi, Castel S. Niccolò; orci in terracotta, Giovenali Fabrizio Terracotta e Ceramica, Soci; ferro battuto (particolare), Luka’s Ferro Battuto, Rassina. Dalla VALTIBERINA, in questa pagina, dall’alto e da sinistra: bracciale (particolare), Essenza Gioielli in argento, Sansepolcro; lavorazione di cesti in vimini, Luzzi Leonardo Lavori in Vimini e Impagliatura Sedie, Anghiari; girocollo con placchette, Baragli Preziosi Oreficeria, Sansepolcro; casale in pietra, Maggini Claudio Ristrutturazioni - Costruzioni in Pietra, Anghiari; farfalla, Mearini Oriano Oreficeria Laboratorio Orafo, Sansepolcro.

legate ad un territorio specifico dove, un tempo, l’ambiente e la popolazione hanno fornito materia prima, fonti energetiche e manodopera. In Valtiberina, nei centri di Anghiari e di San Sepolcro -quest’ultima città natale del pittore Piero Della Francesca-, l’arte orafa, la lavorazione del “merletto a fuselli” e l’artigianato del mobile sono protagonisti di distinte ed importanti manifestazioni quali la “Biennale d’arte orafa”, la “Biennale del merletto”, la “Mostra Mercato dell’Artigianato dell’Alta Valle del Tevere”. Quest’ultima manifestazione, che si tiene ad Anghiari ogni anno, costituisce l’evento sicuramente più importante nella provincia poiché in esso sono rappresentate tutte le diverse tipologie dell’artigianato artistico dell’Alta Valtiberina. Di particolare rilievo è l’artigianato del mobile in stile, che qui ha avuto un forte sviluppo data la grande

disponibilità di legname -la natura dei luoghi è prevalentemente montana con ampie estensioni boschive-, cui si aggiunge, inoltre, il contributo formativo dell’Istituto Statale per l’arte del legno e del restauro del mobile antico. Sempre in Anghiari si conserva e si perpetua la lavorazione dei cesti di vimini, un artigianato ormai in via di estinzione ed attività artigianale più di altre legata alla tradizionale cultura contadina toscana. Con il vimini e la stiancia raccolti lungo le rive del Tevere i contadini, i cestai e i seggiolai, fin dal Medioevo, hanno intrecciato cesti, panieri e tutti quegli oggetti che potevano essere utili per i lavori più diversi e per gli usi domestici. I laboratori artigianali, che operano in Valtiberina secondo tecniche tradizionali tramandate di generazione in generazione, costituiscono oggi una voce importante dell’economia locale alla cui sopravvivenza e rigenerazione

35

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 48  

magazine about italian crafts

Artigianato 48  

magazine about italian crafts

Advertisement