Page 67

S

E

G

N

forte desiderio di interpretare il senso di appartenenza a una cultura, una terra. Il progetto si affida all’istinto e ogni gioiello è un’opera che scaturisce quasi “naturalmente” grazie a ciò che la natura offre. Ecco quindi esprimersi la forza delle pietre: apatite, granato, turchese; la luminescenza delle perle; il fascino del corallo; la preziosità dell’oro; la delicatezza del cotone. Elementi, materiali, che rimandano al sud, con la sua passione e nostalgia, che per Regina è sempre ottima fonte di ispirazione. (S.C.)

A

L

A

Z

EBANISTERIA FRANZONE

I

O

N

I

nandosi alla cultura del progetto coinvolgendo giovani designer locali, conserva la ricchezza della tradizione e delle tipicità locali “rinnovandosi” con un linguaggio più attuale.

Gaetano Franzone, profondo conoscitore di legni e abile ebanista, dal 1972 opera a Gela (CL) nel settore dell’arredamento e dei complementi d’arredo, realizzando oggetti in legno assemblato e tornito artigianalmente. L’attività si sviluppa, dal 1983, introducendo la produzione di piccoli oggetti per la casa, momento che coin-

(S.C.)

Vaso in legni di essenze diverse di G. Franzone.

Lampada di Valeria Vivani, materiali di riciclo.

cide con l’ingresso nell’attività del figlio Filippo. La produzione rimane fedelmente ancorata alle tecniche manuali, operando con maestria e passione su un materiale pieno di risorse come il legno. Gaetano e Filippo Franzone, dall’inizio degli anni Novanta fanno un passo in più, coinvolgendo nel loro lavoro il giovane designer Enzo Castellana. Gli oggetti progettati dal designer e realizzati dagli abili maestri artigiani, sono sempre oggetti caratterizzati dall’essenzialità delle forme e dal fatto che la particolare tecnica costruttiva (l’assemblaggio di legni di essenze diverse e la successiva tornitura) si legga come intenzione estetica dell’oggetto, esaltando così le caratteristiche del legno nelle sue varie essenze e colori. Un ottimo esempio, quello dell’ebanisteria Franzone, di conservazione e crescita dell’artigianato artistico di qualità che, trasmettendo saperi e tecniche di padre in figlio e avvici-

Il lavoro di Valeria Vivani, artista che vive e opera a Bologna, è fortemente caratterizzato dall’utilizzo di materiali poveri e quindi dal “riciclo” come esperienza artistica, rafforzata duran-te il periodo di attività dell’Associazione Culturale Superdrim (di cui è stata socia fondatrice), gruppo di sette artiste che si ispirano ai temi del riciclo e della salvaguardia dell’ambiente, trasformando in arte l’oggetto dimesso e destinato alla discarica. Con vetro di bottiglia, filo di ferro, sassi levigati dal mare, cortecce d’albero, garza di cotone, tela juta, rete metallica, cemento, Valeria Vivani crea oggetti di forte valore simbolico ed esoterico che sono lo specchio del suo stato d’animo, del suo essere interiore. Oggetti artistici con i quali Valeria esorcizza paure e dubbi o esalta gioie e passioni, in un racconto più che mai variegato dello sterminato universo femminile.

Valeria Vivani riciclo e simbolismo

ENRICA GIOVINE

Nata a Grado (GO) nel ’66, si diploma presso il liceo artistico e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Esordisce nel mondo del-la pittura bidimensionale e, dopo un lungo percorso caratterizzato dalla continua ricerca e sperimentazione di nuove tecniche pittoriche, approda ad un’esperienza che si esprime attraverso forme tridimensionali. A seguito di un paziente e cosciente studio di forme, trasparenze ed opacità, di materiali come: vetro; polvere di cristallo, oro e argento; pietre dure quali ametista, quarzo, agata, pirite, lapislaz-zuli e altre, nascono “nuove creature”: una serie di vasi in vetro chiamati “meteore”, oggetti unici e preziosi realizzati a mano con una tecnica da lei inventata. La sua ricerca si è orientata anche verso la trasformazione e reinvenzione di alcuni mobili in disuso, che, una volta decorati, si rivestono con un “nuovo abito”, appropriandosi così di una nuova anima, dando il via a (A.G.) una nuova vita. “Meteore”, vasi in vetro realizzati a mano, con tecnica particolare, da Enrica Giovine.

(S.C.)

73

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 47  

italian magazine about crafts

Artigianato 47  

italian magazine about crafts

Advertisement