Page 70

LA NUOVA TERRITORIALITÀ “Opus incertum”

L’Italia frantumata in tanti territori, luoghi omogenei di attività legate alla cultura materiale.

È sempre più chiara la frantumazione per ragioni etniche, culturali, economiche, filosofiche...; siamo tanti e sempre più diversi, e la diversità non è più privilegio, non è più emarginazione, ma è diritto. Diritto a sviluppare ed esaltare le proprie convinzioni e le proprie appartenenze senza prevaricazioni.

A

R

E

E

R

E

la ceramica campana Wanda Fiscina “Colore e materia” Dal 7 al 25 maggio saranno in mostra le ceramiche e i dipinti di Wanda Fiscina, importante artista salernitana che porta la solarità delle sue opere a Milano, con testo critico di Antoni D’Avossa. Nelle sue opere ceramiche, intense, materiche e appassionanti, l’artista sperimenta nuove possibilità nelle forme e negli smalti, esprimendo una grande forza interiore e creativa. Anche nelle opere pittoriche troviamo la poetica naturalista e concreta, la semplicità dei colori primari e le trasmutazioni sottili della materia. Le opere ceramiche saranno in mostra alla Galleria Caveri & Caveri dal 7 al 25 maggio 2002, con inaugurazione

74

La ricerca della differenza ci porta a leggere un’Italia frantumata in tanti territori, luoghi omogenei di attività legate alla cultura materiale. Vengono qui presentate le aree che, in questi ultimi anni, hanno dimostrato una volontà di affermazione della propria identità e, contemporaneamente, il bisogno di rinnovamento.

G

I

O

N

A

L

I

O

l’8 maggio alle ore 18,30; le opere pittoriche saranno in mostra alla Galleria Milarte dal 7 al 25 maggio con inaugurazione il 7 maggio. Opere ceramiche, intense e materiche, di Wanda Fiscina

M

O

G

E

N

E

E

la ceramica siciliana La ceramica siciliana di Giovanni D’Angelo L’abilità e la sensibilità di questo maestro della ceramica siciliana si era già espressa realizzando, su disegno di Ugo La Pietra, la collezione di vasetti “Amore mediterraneo”, dove una coppia di fichi d’india in ceramica si divertiva in giochi amorosi. Giovanni D’Angelo continua ora il suo gioco con “Cococcio”, uno sgabello realizzato interamente in ceramica, vuoto all’interno, dalle linee morbide e accoglienti, con colori e decori che non dimenticano la solarità della sua terra. “Cococcio”, sgabello in ceramica di Giovanni D’Angelo.

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 45  

magazine about italian crafts

Artigianato 45  

magazine about italian crafts

Advertisement