Page 44

A lato: vaso cristalleria Nuova CEV Empoli, produzione contemporanea. Nella pagina a fronte: vaso con gocce, vetreria Toso-Bagnoli, Empoli 1955 circa (S. Viti collezione privata).

alla lavorazione del vetro artistico bianco e colorato. I lavori artistici erano in realtà già nati in seno alla produzione del vetro verde da imballaggio, allorquando accanto agli articoli di bufferia toscana per uso casalingo si cominciarono a produrre articoli da regalo, da arredamento e per illuminazione. Vi erano stati autorevoli apprezzamenti da parte della rivista “Domus” per i vetri artistici prodotti dalla Vetreria Taddei di Empoli nel corso degli anni ’30, la cui modernità di stile e di tecnica esecutiva si era distinta più volte alle Triennali di Milano. Gio Ponti stesso disegnò alcuni servizi per la tavola in vetro verde per la Vetreria Taddei presentati al pubblico nel 1952: siamo all’inizio di un ventennio in cui, animate dallo spirito positivo della ricostruzione postbellica e spinte dal boom economico, le vetrerie empolesi portano a maturazione e terminano il ciclo vitale del vetro verde, di matrice rustica, per passare al vetro bianco e colorato ora di moda. La produzione attuale, incentrata sull’oggettistica per la casa e l’arredamento in genere, il regalo, la tavola, l’illuminazione, spazia dalle tecniche di lavorazione più tradizionali del vetro soffiato a bocca e lavorato a mano, alle lavorazioni condotte con sistemi parzialmente o totalmente

48

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 45  

magazine about italian crafts

Artigianato 45  

magazine about italian crafts

Advertisement