Page 34

patrocinio del Consolato Generale del Messico di Milano, i visitatori “viaggiano” nello Stato Messicano di Puebla, dalla ricca, articolata e storica produzione artigiana, oggi rivitalizzata e riproposta sul mercato grazie a un nuovo lavoro in team fra designers e artigiani. Sono state realizzate mostre interessanti e significative come Intro: l’arte messicana arreda il giardino, un intervento di arredo urbano in open space. INTRO significa “dentro a” e il comune denominatore di questa mostra è la contrapposizione tra la scenografia creata dalle opere d’arte e lo spazio pubblico aperto. Undici artisti messicani hanno preparato in assoluta libertà di ispirazione e di tematica una grande manta di 5 x 3 metri: la casa come tempio, i suoi abitanti, un oggetto tribale, la teatralizzazione di un gusto sociale, il nostro corpo frammentato, l’archeologia della memoria o l’indifferenza sociale. Tutti temi e concetti che nel loro insieme compongono un quadro, certamente non completo ma significativo, della nostra identità e del suo rapporto con la società. Un intervento artistico ma anche un intervento di arredo urbano, settore sempre più all’attenzione degli addetti ai lavori e dei cittadini, che dimostra come la città possa essere ripensata e, è il caso di dirlo, abbellita. La nuova era dell’artigianato di Puebla, una lunga tradizione che

40

si rinnova con i migliori designers del mondo e che ha nelle ceramiche di Talavera, usate da Montezuma, il suo punto di originalità. Gli artigiani utilizzano diversi materiali sia duraturi come il ferro, sia delicati e fragili come la paglia o ancora la pietra agata e il legno di cedro. L’argilla ha un posto di tutto rilievo con anfore, vasi, casseruole e piatti, unitamente a delicati e raffinati oggetti di maiolica e ceramiche di Talavera, smaltate e dipinte a mano con colori vivaci. Anzi, la ceramica di Talavera, dal nome di una città vicino a Puebla, è la produzione originale. Piatti, tazze, vasi, fontane e azulejos sono decorati con disegni che rivelano influenze asiatiche, arabo-spagnole e indie. In epoca pre-spagnola queste ceramiche abbellivano le tavole e le case delle persone ricche. Onix, marble y talavera, materiali di antica tradizione riproposti con una attenta ricerca di design per la prima volta in Italia. Forme moderne sia per oggetti di uso quotidiano, quali vassoi, piatti e vasi, sia per oggetti d’arredamento capaci di dare un tocco di raffinatezza nel contesto dei singoli ambienti di una abitazione. I materiali hanno invece una lunga e più che secolare storia alle spalle ma, proprio per questo, rischiavano di perpetuarsi in forme non più rispondenti al gusto moderno. Una tradizione che inevitabilmente stava

scomparendo è riuscita a conquistare un nuovo ruolo nell’artigianato non solo messicano e, di conseguenza, nuovi sbocchi di mercato grazie all’Associazione ADVENTO. Il risultato di questo progetto è sotto gli occhi dei visitatori di MIA ed è la prima volta in assoluto che questi pregiati pezzi di artigianato messicano lasciano il loro luogo d’origine, Puebla, per affrontare la “prova” del pubblico e degli esperti. E infine, promossa da REGIONE LOMBARDIA, Direzione Generale Artigianato, Nuova Economia, Ricerca e Innovazione Tecnologica, e da UNIONCAMERE LOMBARDIA, Paolo Buffa designer, una grande figura oggi dimenticata, ma di notevole importanza nei decenni intorno alla metà del secolo, nel settore "classico" della produzione mobiliera italiana. I mobili di Paolo Buffa sono realizzati in legni preziosi, arricchiti da sottili scanalature e delicati intarsi lignei o metallici ed evidenziano una attenzione quasi ossessiva per le finiture e per la perfezione esecutiva. La mostra, organizzata con la collaborazione di CLAC e della Galleria del Design e dell'Arredamento di Cantù, si snoda su 200 mq. e si inserisce nel più vasto progetto di Artigiani nel Tempo, che ha già proposto ai visitatori di MIA il Razionalismo Italiano, il Neoliberty e una mostra su Ico Parisi.

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 44 special  

Special insert of magazine n 44

Artigianato 44 special  

Special insert of magazine n 44

Advertisement