Page 18

oppure sovrapposta a strati su uno scheletro di filo di ferro, stoppa e gesso, o argilla, e plasmata con ferri roventi che accentuano forme e movimenti. Le forme così modellate vengono poi dipinte a olio con abilità e verismo. La cartapesta, nata come arte statuaria, viene utilizzata anche in campi diversi dall'arte sacra per la creazione di giocattoli, maschere, ornamenti, oggetti d'arredamento

24

e d'uso. C'è oggi un nuovo forte interesse per questa materia, per le sue numerose applicazioni, per la bellezza e preziosità dei risultati; interesse determinato, oltre che da una nuova sensibilità e attenzione per ogni produzione artigianale, anche da obiettive previsioni economiche: é stato calcolato infatti che, a causa dei problemi energetici, produrre un oggetto di plastica costa sette volte di più che

realizzare lo stesso oggetto in ceramica; per la cartapesta i calcoli non sono stati fatti ma è logico pensare che si scenda ancora, perchè nella cartapesta quello che conta è la creatività, l'abilità, la capacità di trasformare della carta straccia in opera d'arte. Importante anche l'arte tessile: la tessitura a mano era un tempo realizzata in ogni abitazione pugliese per gli usi e le necessità della famiglia; in ogni casa, anche nelle più umili, tra gli altri mobili e suppellettili troneggiava il telaio, simbolo di laboriosità e di valori tradizionali. Oggi molti telai individuali sono ancora in funzione; la tessitura, organizzata però in forma produttiva, destinata anche a persone che non fanno parte della famiglia, è concentrata in alcune località nelle quali più forte era la tradizione tessile fin dall'antichità: Alberobello, dove fiorisce la tessitura che si ispira alle antiche bisacce utilizzate per il trasporto a dorso di mulo di piccole quantità di merce; Surano, dove è nato il "fiocco leccese" e dove anche la tessitura moderna ha raggiunto notevoli livelli di pregio e buon gusto, e altri centri importanti. I merletti e i ricami sono, in origine, legati al completamento ed abbellimento del costume, ma vengono successivamente utilizzati anche per ornare altri capi del corredo personale e della casa:tende lenzuola, asciugamani, tovaglie, coperte. I merletti frequentemente si ispirano a motivi naturalistici semplici, con risultati di grande delicatezza e freschezza: fiori, spighe, conchiglie, grappoli, spine di pesce, tralci di foglie. Nella cestineria troviamo l'interessante e antica lavorazione del giunco marino ad Acquarica del Capo, e altri lavori di intreccio diversi come materiale e come tecnica, ma egualmente interessanti, ad Alberobello e Cassano. C'è poi l'arte dei "pupari", una produzione di figurine in terracotta, gesso, alabastro, cuoio, juta e altre materie;

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 44 special  

Special insert of magazine n 44

Artigianato 44 special  

Special insert of magazine n 44

Advertisement