Page 69

S

E

G

N

“HUBERT LE GALL” DESIGNER PARIGINO

A

L

A

Z

CORSI e  CONCORSI IIa EDIZIONE DEL CONCORSO INTERNAZIONALE “CERAMICA DI NOVE”

“Pot de Fleurs”, vaso gigante di fiori in velluto (che si apre e si trasforma in due poltrone), di Hubert Le Gall.

Da settembre a ottobre 2001 la Galleria Magenta ha ospitato una collezione di oggetti di Hubert Le Gall, artista e designer parigino, creatore di mobili e oggetti scultorei, personaggio estremamente insolito ed interessante nel panorama “design”. I suoi lavori incuriosiscono la vista ed innescano il meccanismo della scoperta, il piacere diventa il desiderio di scoprire. Sperimentatore di materie (bronzo, resina, legno, ecc.), ama l’associazione di idee insolite, di contrasti “pieno-vuoto”, “contenutocontenitore”, i suoi oggetti non hanno mai un solo parametro di lettura, vanno scoperti, interpretati, toccati. Oggetti ironici ed affascinanti come “Pot de Fleurs” un vaso di fiori gigante in velluto rosso e verde che si apre e si trasforma in due poltrone; il tavolo “Poppy” una serie di margherite in metallo che accostate tra loro fungono da tavolo e capovolte da portariviste, abbinate al tappeto “Ombre chinée de margherite” sopra cui sono disegnate le ombre, tra irreale e reale, delle margherite.

Il Presidente della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Danilo Longhi, il sindaco di Nove Franco Bordignon, il Conservatore del Museo Civico della Ceramica di Nove Katia Brugnolo, il Presidente dell’Ordine degli Ar-chitetti della provincia di Vicenza Giuseppe Pilla, e l’architetto Diego Morlin, membro del comitato organizzatore del concorso hanno presentato ufficialmente l’iniziativa nel corso di una conferenza stampa presso la Camera di Commercio di Vicenza.“ Dei centri italiani di antica Vivandiera in maiolica, manifattura P. Antonibon, fine sec.XVIII, Museo di Nove.

I

O

N

I

che già conta su migliaia di visitatori l’anno. Ma il concorso si propone anche di dare un contributo alla ricerca di nuove proposte formali e decorative nella produzione ceramica”. Il concorso, a cadenza quadriennale, cambia denominazione, e da europeo è diventato internazionale, per sottolineare la volontà di aprirsi maggiormente ad ogni stimolo proveniente da ogni parte del mondo. Verrà assegnato il premio “NOVE terra di ceramica” all’opera che meglio saprà sviluppare il tema di questa edizione: “ un contenitore zoomorfo”(studio, progettazione, realizzazione). Due le categorie di concorrenti: una riservata ad archi-tetti, artisti, ceramisti,designer, inge-gneri, l’altra a studenti degli istituti superiori e universitari. Le iscrizioni si sono chiuse il 31 Dicembre 2001 mentre le opere andranno consegnate entro il 13 Maggio 2002. I premi in palio, per i primi tre classificati di ogni categoria, vanno da dieci ad un milione di lire (pari rispettivamente a 5164,57 e 516,46 euro).

CORSI DI TECNICHE SPERIMENTALI DI ARTE CONTEMPORANEA

“Sole e nuvole”, mensola porta oggetti di vario genere di Hubert Le Gall.

tradizione ceramica -spiega il Sindaco Bordignon- Nove é quello che più di tutti mantiene tuttora ininterrotta una forte attività produttiva nella ceramica artistica, con circa 150 aziende e laboratori, quasi duemila addetti e export in tutto il mondo. Questa iniziativa si inquadra nella volontà di ampliare in Italia e all’estero la conoscenza e l’immagine di Nove e del suo Museo della Ceramica, nel restaurato Palazzo De Fabris,

Presso l“Atelier degli artisti” fino al mese di aprile si svolgono quattro corsi (durata mensile) di tecniche sperimentali per l’arte contemporanea con materiali semplici che, rielaborati e applicati a differenti supporti creano originali oggetti, opere pittoriche e scultoree. La volontà è quella di far maturare un’elasticità mentale e manuale tale da agevolare l’approccio con materiali inusuali nel fare arte. Le materie sono: alluminio catramato, conoscenza e metodi di lavorazione, accostamenti ad altre materie, elaborazioni su supporti in legno (tavole) e cotto (vasi, medaglioni); carte, tecnica del collage con carte nuove, vecchie e antiche, accostamento ad altri materiali (cartastoffa, tessuti, vegetali), elaborazione su supporti piani in poliuretano espanso; mattone, tecnica scultorea eseguita in mattone poroso detto gasbeton, lavorazione e metodi di trattamento del materiale, inserti nella materia; encausto, tecnica pittorica eseguita con l’utilizzo di stucco, pigmenti e cera d’api, metodi di elaborazione con rese finali differenti, elaborazioni su supporti in legno (tavole) e cotto (vasi, medaglioni).

79

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 44  

Magazine about crafts

Artigianato 44  

Magazine about crafts

Advertisement