Page 44

“Vetrinegotiche”. Schizzi di Ugo La Pietra

44

Sono arruolato, non da oggi, tra i promotori e i difensori della “linea gotica”. Chiariamoci subito però: intendo riferirmi a battaglie culturali, non militari. Mi sono dedicato a questo tipo di lotta sul terreno dell’architettura e delle arti applicate. Dove la guerra è più dura, nonostante la cultura postmoderna del progetto sia onnivora, e divori la storia, e si pensi, negli ultimi anni, di quanti stili l’architetto o il designer si sia cibato (e quanti altri abbia citato). Ma mentre a esempio il barocco impazza, sino al dolciastro rococò - i nomi di autori e aziende li conoscono tutti: Alessandro Mendini e Ferruccio Laviani, Maarten Baas per Moooi e Marcel Wanders per Cappellini, e la superstar Philippe Starck, tra l’umile policarbonato di Kartell e l’aristocratico Cristal de Baccarat, in un crescendo di frastuono, sino allo spudorato Barock ‘n Roll di Sawaya e Moroni… tutte pompe che ci hanno un po’ rotto i maroni - il gotico latita, rappresenta un’eccezione in questa regola dell’ingestione-indigestione stilistica. Curiosamente, perché l’immaginario gotico non è mai esaurito: nella moda è revenant, ed è sempre straordinariamente fiorito nella cultura di massa e in quella giovanile… Già tre lustri fa, a metà degli anni ‘90, decisi di reagire a questa rimozione del gotico nell’architettura e negli interni con Delirium Design, una mostra allestita ad Abitare il Tempo a Verona, in modalità scenografiche forse eccessive, quasi horror (per dovere, ospite d’onore era Hans Ruedi Giger, premio Oscar per Alien, nelle meno note vesti di mobiliere…). Recentemente invece un mio vecchio amico,

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 77  

italian Magazine about traditional crafts and contemporary Art.

Artigianato 77  

italian Magazine about traditional crafts and contemporary Art.

Advertisement