Page 25

Domenico Zambetti, Assessore all’Artigianato e Servizi di Regione Lombardia. Domenico Zambetti, Councillor for Artisans and Services of Lombardy’s Regional Authorities

oggi? E’ più un artigiano metropolitano, un designer con capacità manuali, un esperto dal know-how in divenire? DZ: Può sembrare paradossale parlare di “evoluzione” all’interno del settore dell’artigianato: si tratta di un mondo che si fonda sulla tradizione, su gesti e segreti antichi, tramandati di padre in figlio, da maestro a allievo. Eppure l’approccio che ha adottato oggi l’artigiano è proprio quello di inglobare la tecnologia, e di sfruttarla a proprio vantaggio: si badi, non una sostituzione dell’artigiano, ma al contrario l’innovazione al servizio proprio del “fattore umano”. In effetti, si assiste oggi a una rivalutazione in senso “artistico” dell’artigianato, un trend che lo avvicina e accomuna sempre più al mondo dell’arte contemporanea, del design, insomma, della creatività nel senso più nobile del termine. Vi è in pratica un ritorno ai principi più

antichi dell’artigianato: nel Rinascimento, la bottega era il centro della creazione artistica, dove i vari Michelangelo e Raffaello insegnavano e formavano i propri allievi. Quali sono, a suo avviso, i principali ostacoli che impediscono ai mestieri d’arte di toccare il cuore dei giovani? DZ: Parliamoci chiaro, il mestiere dell’artigiano è un lavoro duro. Ore e ore di lavoro, la difficoltà dell’apprendimento, la stanchezza del lavoro manuale, la concentrazione necessaria in ogni fase della creazione. Di certo questi non sono i modelli più popolari nella nostra società contemporanea, dominata dalla velocità, dalla produzione di massa, spesso dalla superficialità a scapito della qualità. Sicuramente c’è anche la disconoscenza di un mestiere capace di trasmettere grandi soddisfazioni, e che rischiava di scomparire. L’impegno dell’Assessorato all’Artigianato e Servizi è stato molto forte in questa direzione, cercando di “pubblicizzare” e far conoscere ai giovani questo mondo affascinante. Cito per esempio il progetto Artigianato&Scuola, il cui scopo da qualche anno è quello di promuovere e far conoscere l’artigianato in numerose scuole della Lombardia, e il progetto Decò - Design e Competitività, che mette i giovani designer direttamente in contatto con le imprese per un’eventuale produzione. Quali prospettive offrono i mestieri d’arte, e l’artigianato in generale, ai giovani che si affacciano sul mondo del lavoro? DZ: In tempi di crisi, l’artigianato può sicuramente fornire una risposta. Come ho già detto, le imprese artigiane rappresentano circa un terzo delle imprese lombarde. È un settore dinamico, fatto di uomini e donne con idee nuove e validissime. In questo senso sono state promosse due importanti iniziative di Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, in collaborazione con le Associazioni artigiane lom-

25

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 76  

brand new number of Artigianato tra arte e deisgn

Artigianato 76  

brand new number of Artigianato tra arte e deisgn

Advertisement