Page 65

Allestimento all’interno della Chiesa trecentesca di San Francesco. Ph. Nello Teodori.

saranno installate in Piazza Mazzini (Camoni) e nei Giardini pubblici nelle adiacenze dell’ex Ospedale Calai (Ricciardi e Rusciano), sono state selezionate per il loro carattere antimonumentale, aperto al dialogo con i luoghi della città, per la essenzialità formale che tuttavia può sollecitare nel pubblico nuove prospettive sia dello sguardo che dell’attenzione per il territorio. Luoghi di passaggio, angoli già funzionali a un uso da parte degli abitanti di Gualdo, ampi spazi urbani senza particolari identità, saranno segnati da queste opere, poeticamente e concettualmente: una scrivania nell’angolo di una piazza, un “pavimento” che dialoga con la superficie su cui è installato senza elevarsi su di essa, un blocco di “case” colorate in parte oggetto per la memoria (il terremoto) in parte stimoli per vivere da altri punti di vista un giardino pubblico. “Disegno e

produzione” è un’importante sezione della Triennale che in parte prosegue quanto il Concorso della ceramica d’arte di Gualdo Tadino aveva promosso già dal 1963. Con l’obiettivo di far interagire la sperimentazione artistica con l’ideazione e la realizzazione di oggetti in ceramica, questa tecnica si flette nella progettazione del design, mantenendo anche uno stretto rapporto con l’arte contemporanea. La presenza a Gualdo Tadino di aziende artigianali e medio industriali, interpreti di una tradizione secolare, con una produzione che spazia dall’artigianato di tradizione all’oggetto d’uso, ai complementi di arredo fino alle piastrelle da rivestimento, è la base di partenza di un progetto che interpreta le ragioni di questa realtà sospesa tra un prestigioso passato e un presente-futuro che necessita di azioni concrete per accrescere la propria competitività

quale risposta alla grave crisi e alle difficoltà di innovazione e riorganizzazione produttiva. Sergio Calatroni, Antonella Cimatti, Fabrizio Fabbroni, Roberto Fugnanesi, Roberto Giacomucci, Marino Guerritore, Raffaele Iannello, Niklas Jacob, Ugo La Pietra, Emanuele Pecci, Luciano Tittarelli, Walter Vallini hanno realizzato una serie di prototipi che dimostrano come la ceramica possa ancora costituire un punto di partenza importante per il design contemporaneo, in una prospettiva che valorizza l’oggetto comune sul piano della concezione, dell’attenzione al quotidiano e non soltanto perché inseribile in un circuito economico. “Tradizione contemporanea”, la quarta sezione della Triennale della ceramica, è un progetto realizzato in collaborazione con il “Museo Rubboli”, ente nato a tutela di una tradizione prestigiosa, la manifattura gualdese fondata nel

65

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 74  

An amazing magazine from Italian world of art and Crafts

Artigianato 74  

An amazing magazine from Italian world of art and Crafts

Advertisement