Page 13

Simona Cesana

Sèvres 1920-2008. La conquista della modernità Al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, dal 21 marzo al 7 giugno, un’esposizione speciale dedicata alla prestigiosa manifattura di Sèvres.

Henri Rapin
, “Vaso Rapin 12”
 - 1925. Decoro da Jean Beaumont - 1925. Maiolica stannifera. Dim: 
 h. 78 cm
.

Un’importante mostra come quella delle Ceramiche di Sèvres, che vanno dall’Art Déco alla produzione attuale, rappresenta un inizio di grande impegno per il MIC in questo anno 2009, malgrado le difficoltà dovute alla recente crisi. Una mostra attuale, che aggiunge un nuovo tassello alla conoscenza di una realtà artistica ed imprenditoriale che grazie alla curiosità e alla passione per i nuovi linguaggi dell’arte, che hanno costantemente accompagnato la sua storia, è da secoli un vanto per la Francia. Per la prima volta il XX secolo, interpretato dalle porcellane di Sèvres, esce dalla Francia per mostrarsi al grande pubblico con inedite proposte. Le oltre cento opere in mostra – alcune accompagnate dai disegni originali – rappresentano artisti di fama internazionale provenienti da ogni paese del mondo e che hanno trovato ospitalità presso gli atelier di Sèvres, lavorando fianco a fianco con i maestri artigiani. L’esposizione propone anche alcuni pezzi unici esposti per la prima volta a Faenza, che sono il frutto dello stretto rapporto che a Sèvres, in una sorta di sfida artistica, ha visto dialogare la sapienza tecnica e scientifica dei maestri fornaciai con gli intenti creativi degli artisti. Dunque un evento di assoluto rilievo nel panorama delle iniziative 2009, grazie al quale è possibile ammirare opere di grande sensualità come “La bocca” di Bertand Lavier o l’ “Odore di Fem-

13

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 72  

an Amazing magazine from italian Arts and Crafts

Artigianato 72  

an Amazing magazine from italian Arts and Crafts

Advertisement