Page 63

­­­­­­­M A T E R I A L I

& TECNICHE

Nella pagina a fronte: di Mirco De Nicolò “Medusa”,impasto colorato a stampo, 1995.

In questa pagina, da sinistra: della bottega Vignolivaso a lustro metallicodi diverso colore, Faenza;di Nedo Merendipittura su maiolica, anni ’90.

tiche che le distinguono. A seconda del tipo di produzione si utilizzano argille di tipo differente. A Faenza l’argilla maggiormente usata è rossa, molto plastica, cuoce a bassa temperatura (circa 900°) ed è ottima per la lavorazione al tornio e per il decoro a smalto.Oltre a questa vengono usate anche l’argilla bianca, impiegata fre-

quentemente per la produzione a colaggio (ossia a stampo), e quella refrattaria che, avendo una grande resistenza meccanica alle escursioni termiche, viene lavorata con la tecnica “raku” e per oggetti di grande dimensione.Vi sono inoltre il grès, usato per cotture ad alta temperatura, molto resi-stente agli urti, usualmente di colore scuro, e l’impasto per porcellana co-stituito dal caolino, una terra bianca, priva di impurità. Gli oggetti ottenuti con queste ultime due terre sono molto più resistenti. Uno degli ambi-ti maggiormente espressivi della ce-ramica

è dato dal colore. Tra tutti gli oggetti che ci sono pervenuti dal passato, sia antico che recente, le cera-miche si distinguono per la loro in-commensurabile capacità di essere colorate, più e meglio di quanto ac-cada per tutte le altre materie.Esistono in commercio numerosi co-lori già pronti, ma la maggior parte degli operatori vuole produrli, comporli, realizzarli per conto proprio.Un famoso ceramista faentino si van-tava di aver realizzato uno smalto co-lore grigio e di non averlo mai venduto ad alcuna azienda, convinto del-la originalità e preziosità della sua creazione.

La produzione faentina si è caratterizzata soprattutto per la maiolica e, in alcuni periodi storici, per il decoro dei suoi oggetti. Nella produzione contemporanea ci si preoccupa relativamente di questo aspetto, che interessa quasi esclusivamentei riproduttori di opere del passato.Solo i prodotti di pochi operatori contemporanei si distinguono per le loro cromie. Il termine maiolica indica una delle tante specificazioni del prodotto ceramico. Per maiolica si intende, usualmente, un prodotto in argilla rossa, cotto a bassa temperatu4 ra. Al prestigioso Concorso Interna-

73

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 57  

Italian magazine about crafts and Arts

Artigianato 57  

Italian magazine about crafts and Arts

Advertisement