Page 74

S E G N A L A Z I O N I juta a segni di pelle ceramica” che si terrà dal 2 al 15/10/04 a Schio (VI), nella sede di ArtiGenialità Europea. Nell’occasione l’artista presenta una serie di dischi smaltati in maiolica, dipinti con particolare sensibilità cromatica propria del mondo artistico mediterraneo e specificamente del Salernitano dove è nato. L’attenzione va alla materia-supporto che cerca di evidenziare portandola a identificarsi con la pittura stessa. Nel suo repertorio troviamo l’utilizzo di diversi materiali che vanno dal legno al bronzo, dall’acrilico al gesso. Vanno citate come esempio la tela di juta preparata a mano e poi colorata mediante tecniche tradizionali e la maiolica dipinta e graffiata. Il graffiare non vuol essere sinonimo di violenza, ma il modo sotteso per Patroni di scoprire lo spazio e renderlo visibile anche se impercettibile a occhio nudo. Con questi dischi rende omaggio alla maiolica quale ceramica a vernice stannifera, che vede sopra il colore rossiccio dell’argilla quel bianco coprente che fa da campitura di fondo e base fondente ai colori della decorazione. Le maioliche, fin dall’antichità, venivano dipinte con motivi dell’iconografia legata a uno stile decorativo, ma Patroni lavora in modo diverso perché non riporta sulla superficie vitrea una realtà a noi conosciuta, ma quella nascosta del suo inconscio. Il suo modo di dipingere rivela un’espressione astratta (dal latino abs trahere, cioè “trarre da”) come risultato di un personale e faticoso percorso d’introspezione del proprio Alba Scapin mondo interiore.

PROGETTI E TERRITORI Sculture Nel Chianti Si è inaugurato il 21/5 a Pievasciata (SI) il Parco Sculture del Chianti, primo parco italiano situato in un bosco naturale interamente dedicato alla scultura internazionale d’arte contemporanea. La realizzazione di questa particolare area espositiva, in cui sono inserite opere imponenti create appositamente, nasce da tre linee guida volute dal proprietario e curatore Piero Giadrossi: integrazione tra arte e natura, internazionalità, varietà dei mezzi espressivi. Venticinque sculture d'arte contemporanea ambientate nell’area boschiva – lo scenario del Chianti senese – costituiscono il percorso espositivo frutto di interventi site specific: gli artisti, provenienti da tutto il mondo, sono stati invitati a studiare

Adriano Visintin, “Xaris,” 2002, ferro.

il luogo e l’ambiente per creare le proprie opere, integrandole alla natura circostante. Molteplici i materiali utilizzati – pietra, marmo, ferro, acciaio, vetro, legno, resina – per dare vita a sculture e installazioni che rappresentano culture diverse. Gli artisti provengono da 18 Paesi: Argentina, Australia, Colombia, Corea del Sud, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Indonesia, India, Inghilterra, Italia, Olanda, Svizzera, Turchia, USA e Zimbabwe. Le sculture sono situate sia nel Parco che nella vicina Fornace. Nell’area del Parco delle Sculture sarà prossimamente realizzato un centro visitatori e un anfiteatro per manifestazioni culturali all’aperto e per esposizioni temporanee, in collaborazione con musei e centri d’arte contemporaAdriano Gatti nea italiani e stranieri. FESTA DELLA CERAMICA Si terrà in settembre dal 4 al 12 a Nove, in provincia di Vicenza, un festival promosso dall’associazione “Nove terra di Ceramica” con un ricchissimo programma che prevede non solo la parte espositiva ma anche incontri con artisti del settore, corsi per studenti, concerti jazz, convegni ecc. Verrà inoltre presentato il Catalogo del Museo Civico delle Ceramiche di Nove. Locandina del Festival ceramico di Nove.

Consorzio Piceni Art For Job: Artigianato Artistico delle Marche Il Consorzio Piceni Art For Job nasce a San Benedetto del Tronto nel 2000 e oggi associa circa 30 aziende di artigianato artistico delle Marche, appartenenti a vari settori manifatturieri: artigianato orafo; decorazione su ceramica; lavorazione artistica dei metalli; creazione di cornici artistiche; oggetti di design; riproduzioni museali; legatoria artigiana e lavorazione del cuoio. Al fine di promuovere l’artigianato artistico regionale, il Consorzio incentiva la realizzazione di linee di prodotto originali; promuove le collezioni degli associati con iniziative pubblicitarie mirate e partecipazione ad eventi e fiere del

Riproduzione artigianale di anelloni piceni a sei nodi in bronzo, da 0reperti archeologici del V sec. a.C. del territorio ascolano.

settore. Grazie allo studio grafico interno, crea marchi e immagini coordinate per aziende, siti e portali In-ternet. In quest’ambito sta realizzando un portale per il commercio elettronico dei prodotti artigianali, www.artforjob.com, finanziato dal Ministero delle Attività Produttive, che include circa 40 artigiani della regione. Il Consorzio è in rete anche con www.piceni.it (artigianato artistico delle Marche); www.extrart.it e, presto, con www.marchedarte.it, siti delle riviste omonime di cui è editore, rispettivamente dedicate all’arte contemporanea e ai “Mestieri e Sa-pori del Piceno”. Accreditato a livello regionale, organizza corsi di formazione nell’ambito di una vera e propria scuola-laboratorio d’artigianato: favorire la crescita dell’artigianato artistico marchigiano e il suo rinnovamento tecnico e organizzativo, stimolando una nuova progettualità, è l’impegno che anima ogni attività del Consorzio Piceni Art For Job.

89

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 54  

Italian Magazine about crafts and arts

Artigianato 54  

Italian Magazine about crafts and arts

Advertisement