Page 19

INIZIATIVE di Giuseppe De Biasi

Progetto ACTA

L’interessante convegno di Firenze “I marchi di tutela aiutano l’export dell’artigianato artistico italiano” e le prossime mostre di Oristano, Assemini e Lodi confermano l’intenso programma di attività in corso

U

n dibattito interessante e ricco di spunti di riflessione quello tenutosi a Firenze il 28 aprile all’interno di ART 2004. Organizzato da “Artex” e inserito all’interno del Progetto ACTA - articolato programma finanziato dal Ministero delle Attività Produttive e gestito dall'Agenzia Polo Ceramico di Faenza -il convegno ha visto la partecipazione di rappresentanti istituzionali, economisti ed autorevoli espertidel settore, tutti d’accordo che il deprezzamento del dollaro rispetto all’euro ha creato non poche difficoltà all’export italiano ed in particolare alle produzioni dove la manodopera è un costo preminente, come nel settore dell’artigianato artistico.Claudio Zanetti, vicepresidente nazionale dell’Associazione Ceramica di Confartigianato, ha sottolineato come “la provenienza di queste produzioni e la valorizzazione dei marchi di origine rappresentano

34

un valore aggiunto ed una necessaria difesa nei confronti delle imitazioni”, mentre Walter Ferracci, segretario nazionale ASNAART-CNA, ha ribadito “il forte legame culturale e sociale tra le aree di provenienza ed i prodotti dell’artigianato artistico e l’importanza dei marchi come strumenti di marketing delle produzioni italiane”. Inoltre, da un’indagine condotta da Artex sull’artigianato toscano è emerso - come ha sottolineato il direttore Alessandro Ricceri - che “la Toscana è nell’immaginario collettivo degli americani un luogo d’arte, cultura e bellezze paesaggistiche e architettoniche. Questa percezione positiva potrebbe essere un traino per i prodotti dell’artigianato artistico, ma negli Stati Uniti il nome del produttore italiano scompare e sugli oggetti viene applicato il marchio del distributore locale”. Proprio per questo Stefano Collina - Presidente dell’Associazione Italiana Città della Ceramica ha posto l’accento sull’importanza

culturale e di garanzia del marchio “Ceramica Artistica & Tradizionale” che identifica l’eccellenza e la tipicità della cultura artigianale ceramica italiana, del suo radicamento con il territorio, con gli stili e la storia di ognuno dei 33 Comuni di antica tradizione raccolti nella AICC, mentre Gian Nicola Babini - Responsabile del progetto ACTA e Consigliere Delegato dell’Agenzia Polo Ceramico di Faenza ha voluto sottolineare l’importanza del progetto ACTA “per la massiccia campagna di informazione e di promozione del marchio CAT sulle principali testate nazionali e regionali e per lo sviluppo dell’innovazione del settore in un’ottica di rilancio del comparto sul mercato italiano ed estero, attraverso la rete di 13 Centri di Promozione per l’Artigianato ceramico (CPA) dislocati sull’intero territorio nazionale, nei quali opereranno i 26 tutor d’impresa che garantiranno agli artigiani un costante supporto per l'innovazione,

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 54  

Italian Magazine about crafts and arts

Artigianato 54  

Italian Magazine about crafts and arts

Advertisement