Page 44

Nella pagina a fronte: “Nascita”. In questa pagina, dall’alto: “Nero”; “Rosso”; “Fratello primo e Fratello terzo”.

più attento, invita alla riflessione (proprio come invita alla riflessione il giardino zen) ed ecco che, come per incanto, una forma suggerisce altre forme e porta ad altri significati. Incavi, sporgenze, che Yunko conferisce alla materia possono, di volta in volta, suggerire una forma antropomorfa, animale, vegetale, aprire la mente a infinite interpretazioni e suggestioni. Ottenuto il biscotto, Yunko passa alla fase successiva e concentra la sua attenzione sul colore: interviene con una serie di tecniche che spesso combina tra loro in una continua e feconda ricerca e sperimentazione. Tra le più interessanti c’è senza dubbio la tecnica del “Nakitraku”, appresa dal famoso ceramista inglese Tim Andrews. Un tipo di ceramica raku estremamente complesso e di difficile gestione, dai risultati però particolarmente affascinanti. Ritroviamo nei suoi interventi cromatici il dialogo tra elementi contrari, forze opposte, concetti tipici della cultura orientale. Come nei giardini zen convivono naturalità e artificiosità, rigidità e morbidezza; così Yunko insinua linee ed altri elementi decorativi sull’apparente naturalità suggerita dalla forma. “Questi difetti”, come lei ama definirli, “sono elementi che ritroviamo costantemente anche in natura, caratteristiche che conferiscono identità ed unicità alle cose.”

59

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 51  

Italian magazine about crafts

Artigianato 51  

Italian magazine about crafts

Advertisement