Page 5

editoriale Le arti applicate per il design di Ugo La Pietra

L

a sempre maggiore attenzione, da parte di operatori, intellettuali e uomini di cultura, nei confronti delle cosiddette Arti Applicate (o come altri preferiscono chiamarle: arti decorative o artigianato artistico) è ormai un fatto che non può più essere ignorato. La stampa ha dovuto prendere atto della mostra “Artigiano Metropolitano” recentemente presentata a Torino e molte riviste che si occupano di disegno industriale e arredamento hanno recensito (talvolta in modo sbrigativo!) l’avvenimento. Tutto ciò non può che fare piacere a chi, come noi, si impegna da molti anni nella rinascita di quella terza area disciplinare che sta tra l’arte e il design e che, senza rifarmi ad ambigue terminologie, spesso ormai compromesse, ho sempre chiamato: “oggetti fatti ad arte!”. La mostra di Torino, come tutte le altre mostre di ricerca che ho attivato negli anni ’80/’90 (vedi le mostre “Abitare con Arte” a S. Carpoforo a Milano negli anni ’80,

vent’anni sono state fatte per la crescita di questa area disciplinare. A chi giova, di fatto, questa sempre maggiore attenzione alla cultura del fare in una sempre più vivace e colta sperimentazione? Ma certamente si sa a chi giova tutto ciò! Alla disciplina “disegno industriale”, che da sempre ignora di dover attivare al suo interno luoghi ed energie per la ricerca e di volta in volta parassita ambiti artigianale elementi di le mostre “Genius Loci” disciplinari collaterali: progetto innovativo. C’é e “Progetti e Territori” da arte a comunicazione però qualcosa che in ad “Abitare il Tempo” visiva, per finire a questo positivo fenomeno raccogliere a piene mani tra il 1987 e il 1999 a di crescita appare Verona, le mostre tutto ciò che si sperimenta inquietante! Come tutti dedicate alla “diversità” nel mondo delle Arti sanno, questa terza area alla Fortezza da Basso a Applicate. Così nascono disciplinare in Italia Firenze tra il 1998 e il interi padiglioni, nelle non ha istituzioni, non ha nostre fiere di design, 2002, la Biennale di Arti Applicate a Todi, le dieci musei e gallerie, non ha dedicati ai giovani che mercato, non ha autori edizioni di “Territori di fanno la cosiddetta con propria quotazione, Pietra” nel Comune di “autoproduzione”, senza non ha sufficiente Cursi, ecc...), sono rendersi conto che, questi occasioni che hanno fatto informazione (la nostra è ultimi, altri non sono che crescere la consapevolezza la sola testata!); le scuole degli eredi degli “artisti/ sono in quasi definitiva di questa realtà culturale artigiani”, ma che non trasformazione. Così forse trovando altri spazi e produttiva: realtà che ci si dovrebbe domandare finiscono a portare i dà valore alla cultura dove sono finite tutte le del fare, introducendo propri valori e significati esperienze che negli ultimi al mondo del design. spesso nella tradizione

11

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 49  

magazine about italian crafts

Artigianato 49  

magazine about italian crafts

Advertisement