Page 28

ALABASTRO DI VOLTERRA E ntrare nel Mondo artigiana le volterrano è stato come calarsi in un mosaico misterioso dove ogni piccola azienda crea al limite dell'artisticità. Faccio riferimento alla figura metaforica del mosaico in quanto l'Alabastro, pur essendo un'area ben definita territorialmente ed omogenea per lavorazione del materiale specifico, è senza dubbio caratteri zzato da una disomogene ità interna dove la fibrtlfa dell'artigiano-artista, che ope ra indipendentemente se nza momenti di scambio o di verifica, sta alla base del sistema. Le sue opere diventano veicolo della Storia, della forte tradizione alabastrina, diventano veicolo della memoria artigianal e e per qu esto portatrici dei valori del luogo e della Cultura volterrana. Partecipare alla Mostra "Genius Loci" presentando la Collezione 1996 diventa per noi un momento di confronto culturale, di rimessa in discussione del lavoro rivolto allo svi luppo delle poten ziali tà latenti dell'Artigianato volterrano e soprattutto un'operazione di ricerca di identità nell'ambito della realtà più grande e frazionata dell'Artigiana co Artistico. Sebbene in trascorsi periodi il lavoro sia stato sminuito con oggetti ripetitivi che avevano perso la loro "memoria storica", pensiamo che con creatività e ricerca si possa ricostruire questa

sorta di ponte di collegamento con la tradizione. Da qui, attraverso la sperimentazione, esprimere le notevoli potenzialità della nostra pietra e riq ualifi care, se è necessario, la figura dell'Artigiano che da solo mantiene in vita un settore e una Culrura che purtroppo rischiano di scomparire. Gli oggetti della Coll ezione diventano i "protagonisti" e nello stesso tempo gli "spettatori" di tale memoria. Operazione di dialogo, di confronto fra gli Autori e gli Artigian i volterrani, le opere presentate costiruiscono l'interpretazione di tale dialogo realizzata con le tecniche di lavorazione, di finirura artigianali tipiche, in quanto nell'Alabastro incontrare l'esatta zona di contatto , di equi libri o fra la forma e la non forma, tra il trasparente e

l'opaco, tra la luce e l'ombra è estremamente diffi ci le. È però in questa seducente dia lettica che si può e si deve trovare la forza creativa per progettare con l'Alabastro, per utilizzare questa "pietra luminosa" per creare oggetti che rim angono nel tempo, sfruttando le sue continue ambiguità caratteria li: durezza, faci lità di lavorazione, trasparenza, opacità ... Il desti no del nostro ambiguo protagonista è stato legato alla capacità creativa e sensoriale degli autori che in sintorua con lui hanno dato vita ad lIna speciale Collezione ... solida, morbida, ruvida, luminosa, vi brante, per il piacere e la gio ia di ciascuno facendoci entrare nel percorso circolare della Memoria, nel racconto dell'AJ abastro.

h·ene Taddei

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Advertisement