Page 16

In queste pagim: e nelle precedenti: l'amoritnmo del pittore CaMerini, parUeùlari disegni a stampo prepal1ll0rl delle decorazioni di alclllli mobili. (Foto Donadeo)

comadini, contadine, case e creste alpine, vastità di orizzonti, immacolata purezza di ci me nevose, acque "ruscellanti" e quindi descritto come un carattere schivo, quasi francescano. Ma l'arte e la storia di Ca lderini, e la sua curiosità vanno oltre l'immagine ormai consolidata di artista che guarda con nostalgia l'Ottocento. Già come pittore sarebbe giusto non solo collocarlo sullo sfondo di una Valsesia fatta di melodiose e ascetiche visioni che alludono spesso al romantico Foncanesi o al "maestro della montagna" Segantini. C'è un Calderini pittore poco conosciuto che (pur non essendo mai stato a Parigi) guarda, con la rosea festosità d'un Bonnard, ai soggetti della vita; e che lavora fino a realizzare certe tele in cui il segno e l'intensità acuta del colore, a detta del critico Balestrini, lo potrebbero indicare un "fauve" nostrano. Ma il più segreto Calderini è quello che opera a Messin:l, quando insegna e sperimenta nell'Istituto d'Arte Industria le. Di questo suo soggiorno rimangono tracce eloquenti di Wl Calderi.ni capace di affrontare temi legati alla progettazione del mobile, alla decorazione e all'uso di tecniche e material i. Con una capacità progetruale che probabilmente si basava sulla sua sensibilità e la sua curiosità verso le cose: i mobili, progettati da

18

Profile for Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Artigianato 24  

Italian magazine about crafts and arts

Advertisement